logo-black

"Con un sorriso sano, regolare, brillante hai più chance nelle relazioni personali e lavorative"

Le protesi mobili, meglio definita come rimovibile, vengono usati per sostituire intere arcate mancanti o parti di esse.
Questa tipologia di protesi viene detta “mobile” proprio perché il paziente può rimuoverle in completa autonomia.

Il vantaggio di una protesi mobili confronto ad una protesi fissa è il suo minor costo.
In ogni caso le protesi rimovibili devono garantire :
  • Funzionalità: la protesi deve ripristinare una corretta masticazione e delle funzioni articolari (apertura, chiusura, lateralità destra-sinistra e la corretta fonetica).
  • Resistenza: la protesi deve resistere al peso del carico masticatorio e all'usura.
  • Innocuità: la protesi deve essere costruita con materiali atossici e non deve presentare discontinuità che possano danneggiare i tessuti.
  • Estetica: i denti artificiali devono essere il più possibile simili a quelli naturali, ed il profilo facciale del paziente deve rimanere inalterato.
Le protesi rimovibile dentali si possono distinguere in varie tipologie: protesi rimovibile parziale, protesi rimovibile totale, protesi combinata estetica, protesi immediata, overdenture su impianti, protesi estetica in nylon.

Protesi Rimovibile Parziale

Viene utilizzata come valida soluzione di compromesso quando i denti residui naturali non sono sufficienti o non sono disposti in maniera appropriata per supportare una protesi fissa e non sia possibile ricorrere a impianti per aumentare il numero dei pilastri. Una protesi rimovibile parziale è costituita da una struttura in resina o di metallo fuso dove sono inseriti dei denti artificiali che sostituiscono quelli mancanti. La protesi parziale ottiene la sua stabilita agganciandosi ai denti pilastri tramite dei ganci fusi insieme alla struttura metallica, tramite dei ganci metallici a filo, tramite ganci estetici costruiti in nylon o dagli impianti.

Protesi Rimovibile Totale

Le protesi totali si applicano quando in un’arcata dentaria c’è la mancanza di tutti i denti. La protesi totale chiamata comunemente "Dentiera", è costituita da una base di resina di color rosa o trasparente o da una sottostruttura metallica per rinforzarla dove viene applicata la resina rosa o trasparente e inseriti i denti. Purtroppo la perdita dei denti porta, negli anni, ad una riduzione progressiva delle strutture ossee (atrofia ossea), che diminuisce l’adesione delle protesi anche se molto precise e ben bilanciate, in quanto nell’arcata superiore non si ha più un buon effetto ventosa e nell’arcata inferiore la stabilità si riduce in presenza di forti deficit dell’osso di supporto. In queste situazioni si rivela molto utile il ricorso ad una ribasatura.

La Ribasatura

La ribasatura è un’operazione che il dentista effettua alla protesi mobile per ridare stabilità all’apparecchio. La protesi deve essere ribasata in caso di instabilità ovvero, quando parlando o mangiando questa non sta ferma, quando tra gengive e protesi si infiltrano residui alimentari. La ribasatura infatti, serve a ridare alla protesi l’aderenza alle gengive che aveva da nuova ma che con il tempo è venuta a mancare a causa del naturale riassorbimento dell’osso e della gengiva.

Protesi Combinata Estetica

Una protesi combinata è caratterizzata da una protesi fissa (capsula o ponte) che funge da supporto e da una protesi mobile scheletrata che il paziente può rimuovere per una corretta pulizia. La protesi fissa e la protesi mobili vengono collegati tramite degli attacchi di precisione "a scomparsa". Sono composti da due parti disinseribili tra loro, di cui una saldata a una corona che ricopre il dente pilastro e una saldata allo scheletrato.
Gli attacchi di precisione offrono maggiore stabilità alla protesi rispetto ai ganci ed esteticamente non sono visibili.

Protesi Immediata

Una protesi immediata è una dentiera parziale o totale che viene consegnata immediatamente dopo aver subito una o più estrazioni. Viene usata come rimedio provvisorio prima di ricevere la protesi definitiva o in attesa della integrazione ossea degli impianti. Viene realizzata mediante un-impronta pre/estrattiva e consegnata subito dopo le estrazioni, di modo da non lasciare il paziente mai senza denti. Ma è importante sapere che osso e le gengive vanno incontro ad un processo di riassorbimento, specialmente durante i primi mesi dopo l'estrazione dei denti, risultando in una protesi meno stabile e meno aderente rendendo necessario una ribasatura quando possibile o il rifacimento della protesi.

Overdenture su Impianti

Un overdenture su impianti è una protesi totale agganciata su degli impianti che rendono ia protesi decisamente più stabile.
Questo tipo di lavoro viene spesso richiesto da pazienti già portatori di protesi totale ma insoddisfatti perché la loro protesi è poco stabile.
Dopo il posizionamento degli impianti dentali (sono sufficienti 2 impianti) è necessario attendere i tempi biologici necessari alla osteintegrazione che solitamente avviene in circa 2 mesi.
Ad integrazione avvenuta è possibile avvitare su ogni singolo impianto dei monconi con delle piccole sfere. All’interno della protesi ci saranno delle cappette ritentive che accoglieranno perfettamente le sfere degli impianti aumentando notevolmente la stabilita e la ritenzione della protesi.
Una protesi più stabile, oltre a benefici funzionali e psicologici per il paziente, ha il vantaggio di ridurre il riassorbimento osseo che normalmente avviene con una protesi totale tradizionale. Altri vantaggi sono:

  • aumenta il comfort riducendo le irritazioni del tessuto gengivale
  • consente una facile manutenzione e l'igiene orale quotidiana
  • assicura una ritenzione e stabilizzazione soddisfacente
  • provvede il ristabilimento della corretta masticazione e fonetica
  • consente il risparmio rispetto ad una protesi fissa su impianti.

Protesi Estetica in Nylon

Le protesi in nylon sono un'idea innovativa, sono biocompatibili, anallergiche e altamente estetiche. Ridanno un sorriso naturale senza l'inestetismo dei fili in metallo dello scheletrato tradizionale. Si utilizza nel caso di edentulia parziale come protesi definitiva ma anche come protesi provvisoria durante l’integrazione degli impiantii o dopo un’estrazione o prima di realizzare una protesi fissa.